lunedì 15 novembre 2010

IL PAN DI SPAGNA CLASSICO DI LUCA MONTERSINO

Sto per postare una ricetta del mago della pasticceria, e inizio dandovi un paio di basi che ho utilizzato per la realizzazione. Iniziamo dal pan di spagna. Le dosi sono per 2 stampi da 18, a me ne bastava uno e ho quindi fatto metà dose. Il risultato super soffice lo vedete nella foto. I resti ce li siamo mangiati 3 giorni dopo ed erano ancora morbidissimi..

Ingredienti:
250 gr di uova intere
175 gr di zucchero semolato
150 gr di farina 00
50 gr di fecola
1 bacca di vaniglia

Procedimento:
Beh, quello classico! Montare le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Portarle a 40/45° aiuterà la massa ad incorporare aria, ma attenzione, mettere le uova sul fuoco insieme allo zucchero e mescolate continuamente, od otterrete una fritatta. Questo procedimento preventivo scioglierà lo zucchero permettendovi anche poi di iniziare a sbattere le uova già alla massima velocità. In alternativa potete scaldare il cestello della planetaria con un cannello, o se avete un Bimby o il Cooking Chef fa già tutto lui! Mentre monta setacciate farina e fecola insieme. Unire i semi di vaniglia alla montata di uova ed aggiungere le polveri a mano con un cucchiaio o una spatola facendo attenzione a non smontare. Mettere poi il composto negli stampi senza sbattere o livellare troppo. Cuocere a 180° per 15/18 minuti. Perfetto!

13 commenti:

  1. Beh, le ricette di Montersino sono sempre da tenere presenti... ;-))
    Grazie!!
    Franci

    RispondiElimina
  2. Sai che ieri il maritozzo mi ha regalato "peccati di gola"???...lo sto divorando...è davvero un maestro!!!

    RispondiElimina
  3. il pan di spagna è perfetto e sono proprio curiosa di vedere cosa diventerà...un bacione

    RispondiElimina
  4. @ Elifla: quando l'ho cercato io era esaurito, magari resisto ancora un pò e me lo faccio regalare per Natale...
    @ Saretta: grazie, ancora 1 base e poi svelo il "segreto"!
    Un bacio a tutte e due!

    RispondiElimina
  5. Giorno tesoro..ma lo saic he leggendo il libro di Montersino alla spiegazione del pds sono restata incantata..pensando che mai nella vita mi verrebbe così, e che sono destinata ad andare avanti a suon di basi pronte..
    Il tuo ha davvero un ottimo aspetto, forse non è poi così difficile..
    Bravissima un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
  6. Buongiorno!!! sai che non ho mai fatto il pan di spagna??? ci proverò! come va la panciona? si comportano bene i piccoli? il mio è un terremoto!

    RispondiElimina
  7. @ MeggY: a me l'ha insegnato una collega quasi 10 anni fa, e pure io pensavo all'epoca che fosse difficilissimo e quasi impossibile da fare a casa. Non armeggiavo ancora in cucina ma mia mamma lo comprava e avevo dedotto che fosse difficilissimo. Invece ti assicuro che l'esecuzione non è assolutamente niente di complicato. Questa ricetta poi è particolarmente buona! Quelli confezionati sono secchi e si sbriciolano appena li apri, questo è tutto un altro mondo!
    @ Micaela: anche per te vale quello che ho detto a MeggY, prova che non è difficile. E poi a me piacciono così tanto le torte farcite che preferisco fare questi impasti! La pancia sta bene, sforacchiata, e mercoledì prossimo me la bucano ancora, ma bene, i bimbi per ora sono 1 bravo e 1 discolo.. ma domani dovremmo avere i risultati della villo di 1 dei 2 e sono molto impaziente di sapere tuttoooo!!!
    @ Mirtilla: Grazie!!!
    Un bacione a tutte!!!

    RispondiElimina
  8. Ti è venuto molto bene,chissà cosa ci hai preparato con questo bel pan di spagna :)

    RispondiElimina
  9. Grazie mille.. ci ho fatto una cosa buonissima.. non bella come quelle del Maestro, ma molto ma molto buona.. :-) Presto la pubblico!

    RispondiElimina
  10. Quando Montersino appare in tv ho mia figlia che corre a chiamarmi dicendo: papà papà c'è il tuo amico Luca in televisione!!! Decisamente il migliore!!! Ciao Gianni

    RispondiElimina
  11. ..e come darti torto??! Ciao!!

    RispondiElimina

Dite la vostra..
Un commento può aiutarmi a migliorare sia le ricette che il blog!
Grazie, Vicky