martedì 6 aprile 2010

DESSERT NURZIA


Ricordo bene come è andata un anno fa. Come sempre, non si dimentica facilmente cosa si stava facendo o dove ci si trovava mentre succedono cose importanti, felici o tragiche che siano. Come ogni mattina arrivo al lavoro, e le mie colleghe, che sanno che non leggo i giornali prima di pausa pranzo, mi anticipano le cose importanti. "C'è stato un terremoto in Abruzzo" - si vabbè. Non gli ho dato peso, non avevo realizzato. Forse perchè non l'avevo sentito per radio in macchina, quindi non era così importante. Non sapevo ci fossero stati danni a cose, a persone.. Per me era "una scossetta". La sera, vedendo le immagini al telegiornale, ho smesso di cenare. Voglia di piangere. Per la prima volta (sarò cresciuta!?) una disgrazia, pur fisicamente lontana parecchi chilometri, sembrava fosse successa sotto casa mia. La sentivo vicina, e mi sentivo impotente, pietrificata. Ho dovuto cambiare canale. Ma non potevo smettere di pensare a chi c'era dentro, a chi non poteva premere un tasto e vedere altro. Per questo ho subito deciso di partecipare a questo volo collettivo di colombe. Per dare un aiuto concreto a chi è rimasto, e ha voglia che tutto torni al più presto come prima. Forse sono solo parole banali, ma spero che anche questo acquisto presso le Sorelle Nurzia possa contribuire alla ripresa di una città tanto colpita. Io l'ho fatto per Pasqua, ma è un semifreddo rinfrescante che va bene sempre. L'idea era di farlo a forma di colomba, e cospargerlo con briciole di biscotti, o su una base di biscotti e burro fuso (tipo cheesecake), ma poi ho preferito così, essenziale e lineare. Semplice. Come il mio gesto per l'Aquila. - Le dosi sono per 8 dolcetti

Ingredienti:
8 ciambelline con gocce di cioccolato Sorelle Nurzia
1/2 stecca di Nocciolato con cioccolato al latte Sorelle Nurzia
200 gr di zucchero
1 dl di latte intero
2 tuorli
1 albume
125 ml di panna
125 gr di mascarpone
2 cucchiai d'acqua

Procedimento:
Per prima cosa ho sostituito il mascarpone (che non avevo, nè avevo il tempo per farlo) miscelando 100 gr di philadelphia con 25 gr di panna, tanto per dare un gusto più "avvolgente". Poi ho preparato una crema inglese mettendo a bollire il latte, e versandolo a filo sui tuorli mescolati con 100 gr di zucchero. Riportato il composto a 82° ho lasciato raffreddare. Ho preparato uno sciroppo con lo zucchero restante e l'acqua, e portato a 121°, unito a filo sull'albume già schiumato. Montato fino a completo raffreddamento. Tritato grossolanamente il nocciolato e unito alla crema inglese. Ho quindi unito il tutto, formaggio nella crema inglese, poi la panna montata e per ultimo l'albume, facendo attenzione a non smontare il composto. Ho lasciato in freezer in 16 stampi a semisfera, e al momento di servire li ho accoppiati. Col freddo attaccheranno da soli formando una pallina. Adagiati sulla ciambellina e serviti. Buoooonissimi!!

5 commenti:

  1. Ma oltre che buonissimi sono BELLISSIMI!!!!
    Devi cambiare nome al blog ;-)

    RispondiElimina
  2. BRavissima! geniale l'idea di unire le semisfere e buonissimo il dessert! Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Neanch'io sono riuscita a dimenticare un evento così drammatico!Un abbraccio
    ps.hai avuto un'ottima idea!

    RispondiElimina
  4. @ Stefy, grazie, x il nome hai proposte!??? :-D
    PS: ma l'hai vista bene la colomba?? Guarda che il nome è adattissimo!!!
    @ Francesca: Non avendo la gelatiera non potevo fare la vasca di gelato e fare le normali palline, quindi mi sono ingegnata e ho fatto un barbatrucco!!!

    RispondiElimina
  5. @ Marifra, grazie, non credo di riuscire ad immaginare cosa possa voler dire, sono atterrita con 5 minuti di tg, viverlo deve essere un incubo!!

    RispondiElimina

Dite la vostra..
Un commento può aiutarmi a migliorare sia le ricette che il blog!
Grazie, Vicky