sabato 15 maggio 2010

CROSTATA RICOTTA E VISCIOLE (Lo Swap)


La scorsa settimana ho ricevuto il pacco di Manu, pieno di belle cose... Lei è la persona a cui sono stata accoppiata per il bellissimo Swap di Mara, il primo a cui partecipo, e forse per questo ero emozionatissima!


Un asciughino e un guanto da forno in coordinato, e un porta quello che vuoi, foto, bigliettini, in legno, coloratissimo.. e poi tanti "attacchini" come li chiamo io, e un pacco di zuccherini aromatizzati.. bellissimi! Una piantina e mille petali.. Grazie!!! E una bellissima cartolina della sua bella Latina, città a cui sono già da tempo un pò legata.. :-) ... eh eh!!
E poi c'erano gli ingredienti necessari alla preparazione della sua torta, e una lettera, e su questa lettera, ecco la ricetta di questa crostata che ho visto fare tante volte da Laura Ravaioli, su Gambero Rosso Channel, e tutte le volte dicevo "devo provarla" e poi non lo facevo mai.. Ecco Manu, servivi proprio tu per farmela provare! Devo essere sincera, di solito non amo i dolci di ricotta perchè acquistano una texture quasi "farinosa" che non mi fa impazzire. Questo no però, il ripieno rimane assolutamente cremoso e vellutato! La ricotta di pecora però è un pò forte per i gusti a cui sono abituata. Fortunatamente la visciolata sotto la contrasta benissimo, con il suo sapore dolce ed intenso. Una buona crostata insomma! Passo alla ricetta:

Ingredienti:
Per la frolla:
2 uova
6 cucchia zucchero
100 gr burro
1/2 bustina di lievito
200 gr di farina circa (a volte di più, diceva Manu, io infatti, avendo le uova grandi, ne ho usati quasi 250 gr!)
Per il ripieno:
Marmellata di visciole (spero di averne usato il giusto quantitativo!!)
400 gr di ricotta di pecora romana
1 uovo
1 tuorlo
scorza di un limone
cannella qb
180 gr di zucchero (lei ne suggerisce un pò meno, io ne ho messi 150 ma per i miei gusti erano pochini, confermerei i 180, anche se sicuramente è perchè non sono abituata del forte della ricotta di pecora..)

Procedimento:
Preparare la frolla avendo l'accortezza di usare il burro ammorbidito, e lasciarla rapprendere in frigo. Nel frattempo preparare il ripieno, lavorando la ricotta fino a farle acquisire la consistenza di una crema, aggiungendo poi l'uovo e il tuorlo, lo zucchero, e gli aromi. Stendere quindi la pasta, tenendone da parte un pò, farcirla con uno strato di visciole, e poi con la crema di ricotta. Con la pasta restante fare le classiche strisce da crostata. Infornare a 180° per circa 50 minuti, regolandosi poi con il proprio forno. Io ho dato mezz'ora di riposo in frigo prima della cottura per far sì che la frolla fosse ben fredda e non si sciogliesse entrando in forno.. mi capita spesso di fare di questi pasticci con le crostate...

PS: Manu che ne dici? Prova superata?????

6 commenti:

  1. Uno dei miei dolci preferiti e che non mangio spesso perchè non trovo mai le visciole...brava Vicky, e complimenti per la bella iniziativa dello swap!

    RispondiElimina
  2. Manu mi ha spedito la "Extra di amarene di Modena" della ditta "Le conserve della nonna", se ti può essere utile!

    RispondiElimina
  3. meraviglioso tesoro....
    leggere i post dei vostri swap mi riepmpie di felicità perchè mi rendo conto di quanto può dare questo tipo di esperienza.
    Un bacione grande e grazie
    Mara

    RispondiElimina
  4. Grazie a te cara Mara per l'occasione che ci hai dato. Ho conosciuto un nuovo blogger e la bella persona che lo cura, quindi.. ci abbiamo guadagnato tutti!!

    RispondiElimina
  5. Bella e buona questa crostata, se trovo le visciole, la rifaccio. Questo swap ha messo in moto la nostra fantasia :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Si, sono d'accordo! E poi è bello conoscere e provare cose nuove, che magari per un'altra persona sono piatti normalissimi.. curioso!

    RispondiElimina

Dite la vostra..
Un commento può aiutarmi a migliorare sia le ricette che il blog!
Grazie, Vicky