domenica 4 aprile 2010

LA COLOMBA


Non posso certo dire che sia stata una passeggiata! L'impasto mi è sempre sembrato perfetto, in ogni momento della lavorazione, tanto che ho fatto veramente fatica a tagliarlo in pezzi, tanto il glutine era forte. Indipendentemente dal gusto, che ovviamente poteva piacere o meno, sapevo che sarebbe stata un successo. Ho seguito la ricetta di Adriano (la trovate qui) che in fatto di lievitati è un grande esperto, ed ecco il mio piccione, come l'ho ribattezzato! Io ho usato il latte condensato, non avendo quello in polvere, riducendo quindi l'acqua come da istruzioni, e al posto della scorza d'arancia ho usato un bel cucchiaione di questa.

Eccola intera, protetta dal pulcino..

Eccolo sorridente sotto la retina, in attesa di essere mangiata..

E le colombine piccole da regalare a parenti ed amici

Cosa??
Sono stata brava???
Guardate qua il primo tentativo...
..adesso vi dico la verità.. tutta la verità, nient'altro che la verità..
Sono sì stata soddisfatta dell'incordatura ottenuta, veramente fortissima, questo forse ha fatto in modo che la lievitazione fosse molto lenta, perchè "trattenuta". In forno 180°, 40 minuti, tutto perfetto. Una bella crosta profumata e croccante, morbida al punto giusto, ok, la tiro fuori, la buco e la giro per farla raffreddare con una bella pancia. Peccato che il cuore fosse ancora crudo, ma intendo proprio liquido, e con il peso, ha bucato la glassa, ed è rovinosamente finita sulla tovaglia. Qui c'è stata una piccola crisi di pianto, dovuta all'eccessivo nervosismo di 2 giorni di lavoro finiti male.. Ricomposta alla bene e meglio è tornata in forno, ed è stata destinata ad uso personale. Questo alle 23.. con l'altro piccione che lievitava piaaaaano, ma piaaaaano... Ho quindi intanto messo dentro le colombine, in 2 teglie da 5, cottura 170° ventilato (così magari asciuga meglio) per una mezz'ora.. ecco, queste saranno fin troppo cotte.. E l'ultima, quella che "o la va o la spacca" è uscita dal forno alle 3:38 di questa notte. Sono poi riuscita a girarla senza far guai.. Oggi l'abbiamo aperta. Testa e coda erano un pò asciutte, si vede anche dalla prima foto, ma il centro, quello era perfetto. Sempre 170° ventilato, ma per un'oretta. Non sono soddisfatta al 100%, l'avrei preferita più soffice anche alle estremità, devo modulare meglio la cottura sul mio forno, ma per essere la prima volta insomma..
Comunque, l'anno prossimo, mi sa che faccio l'uovo!!!!

11 commenti:

  1. Coraggio Vicky, la colomba credo sia una delle preparazioni piu' difficili in pasticceria!
    Sei stata bravissima a provare, la cottura e' SEMPRE un'incognita perche' purtroppo ogni forno e' diverso...quindi non crucciarti, hai fatto esperienza per la prossima volta!

    RispondiElimina
  2. Bravissima! a me sembra perfetta, complimenti!
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Elisa: non so se può essere consolatorio ma quest'anno ho fatto un sacco di pasticci pure io: la colomba, che lo scorso anno è risultata perfetta e di una sofficità che sembrava una nuvola, quest'anno complice il mio poco tempo a disposizione ho voluto ugualmente prepararla forzando la lievitazione, sono tornata dal lavoro dopo 4 ore mentre la lievitazione non avrebbe dovuto superare le 3...e l'ho pagata cara, l'impasto era straripato dalla ciotola e non sono più riuscita ad ottenere da qui in poi un'incordatura perfetta. ne è uscita quindi una colomba buona ma troppo compatta.
    E non sto qui a raccontarti il resto ma ti assicuro che da un punto di vista gastronomico è stata una Pasqua disastrosa...Non ti nascondo che sono un po' amareggiata...ma passerà. Un bacione, Paola

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte! Paola, comunque anche per me ieri non era giornata da cucina, ma in qualche modo è andata! Buon pic-nic per oggi, a chi lo farà, tempo permettendo!

    RispondiElimina
  5. bravissima Vicky!non ti preoccupare, da me si dice 'mica tutte le ciambelle vengono col buco'!hai fatto benissimo a scegliere la ricetta di Adriano, con lui sei sempre certa che tutto proceda al meglio..come l'incordatura, anche io l'ho trovata favolosa!complimenti per esserti lanciata nell'impresa e non demordere, il prossimo anno sono sicura che farai l'uovo ma...anche la colomba, perchè ti tenterà di nuovo!buona pasquetta!Ale

    RispondiElimina
  6. Grazie Ale.. in realtà non era poi così male sto piccione, e anzi, oggi era anche meglio! Ho preso più coraggio!! Per l'anno prossimo vedremo!

    RispondiElimina
  7. Ti é venuta benissimo altro che!
    Vedrai che piano piano aggiusti il tiro sulla cottura, tutto fa esperienza.
    Se ti può consolare anche il mio primo pandoro di quest'anno l'ho sfornato che era crudo dentro ed i primi panettoni erano semicarbonizzati.
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Ehilà Nanni, che piacere averti qui!!!! Grazie! E grazie per il commento positivo, da te lo apprezzo molto!

    RispondiElimina
  9. Sfo ma ti sei un mito!! E non ti abbattere per quella venuta male, potevi sempre inventare la sezione "LIEVITATI DA CUCCHIAIO"... Io l'avrei mangiata lo stesso, faccio parte della schiera non tanto nascosta di persone che leccano la ciotola dove è rimasto un po' di impasto di torta...

    RispondiElimina
  10. Parola di chi se l'è pappata...ERA ASSOLUTAMENTE B U O N I S S I MAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!

    Vicky...potevi anche mettere una fotina di te a fine lavoro :))))) comunque sia...non so per te ma per me ne è valsa sicuramente la pena...

    RispondiElimina
  11. Evviva la Soniaaa!! Grazie! Anche di essere sostenitrice! ;-)

    RispondiElimina

Dite la vostra..
Un commento può aiutarmi a migliorare sia le ricette che il blog!
Grazie, Vicky